Le Figlie della Carità

Le Figlie della Carità dedicano la loro vita a Dio, scegliendo di servirlo nella persona dei poveri, dove egli le attende. Come evidenzia proprio San Vincenzo: "Serve dei poveri, è come se dicesse, Serve di Gesù Cristo, perché egli considera fatto a Sé quello che è fatto a loro che sono sue membra."

Questa vocazione al servizio ne caratterizza anche il particolare stato giuridico, che le vede costituite come Società di vita apostolica e non come congregazione religiosa. Ogni anno rinnovano i voti di castità, obbedienza e povertà, confermando la fedeltà ad un carisma tanto bello quanto impegnativo, che le vuole sempre pronte ad accorrere dove i bisogni dei poveri le chiamano.

Le ha volute così San Vincenzo de' Paoli, per consentire il loro impegno a diretto contatto con i poveri, cosa impossibile per delle religiose, che nel Seicento erano inevitabilmente destinate alla vita monastica. Per aggirare questo ostacolo, Vincenzo non esitò a proporre loro un programma rivoluzionario nella sua semplicità